Sport e turismo fanno il pieno a Terracina

Formazione

In un anno abbiamo fatto diversi convegni sul turismo sportivo: dal Festival del Basket ad Ostia, alla BTC di Firenze, fino a quest’ultimo a Terracina organizzato dal consorzio Terracina d’Amare.

Obiettivo centrato a Terracina

Anche stavolta il convegno “Lo Sport come motore per lo Sviluppo del Turismo” ha raggiunto i suoi obiettivi, innanzitutto stimolare gli oltre 100 partecipanti ad una riflessione sul legame tra sport e turismo.
Già la presenza numerica rilevante ci ha fatto capire che c’è un interesse forte da parte di un territorio che ha già un legame fortissimo con lo sport ed un interesse altrettanto importante per il turismo. C’è solo da metterli insieme.

L’obiettivo del convegno era quindi coinvolgere tutti gli attori dello sviluppo turistico in un processo quasi quotidiano di allineamento: istituzioni locali, provinciali e regionali, i rappresentanti delle associazioni di categoria, gli imprenditori, le associazioni sportive e tutti coloro che si sentono coinvolti nella filiera di sviluppo turistico hanno dato il loro contributo.

Gli argomenti trattati

Dopo l’apertura dei lavori da parte dei promotori e delle istituzioni, ha preso la parola Alessio Sartori, campione olimpionico di canottaggio che ha portato la sua esperienza sia di atleta di alto profilo sia di colui che ora tutti i giorni coinvolge i ragazzi nello sport.

Ha poi aperto il programma il nostro associato Giammarco D’Orazio, dando visibilità su come lo sport è ormai un’esigenza quotidiana che diventa quindi una leva nella scelta della destinazione per una vacanza.

Abbiamo poi parlato dell’importanza degli eventi sportivi portando una serie di esempi internazionali, nazionali e locali. Molto interesse e stupore c’è stato sul caso dello Yorkshire e dei riscontri numerici dopo il Tour de France.

Il testimonial è poi passato a Nicola del Vecchio che ha tracciato l’identikit del nuovo turista, facendo vedere come siano cambiate totalmente le modalità di fruizione di una vacanza. Ci sono stati inoltre diversi esempi su come creare un prodotto alberghiero di turismo sportivo.

Infine Sergio Arienzo ha portato la sua esperienza come organizzatore della prima Fiera del Turismo Sportivo svoltasi a Latina nel 2013. Molto interessante lo spaccato dei partecipanti e degli espositori della fiera, che si è posta come un riferimento nazionale ed internazionale sin dalla prima edizione.

, ,
Articolo precedente
A Policoro si parla di turismo ed accessibilità
Articolo successivo
Parte Color Run 2015, più tappe e più divertimento

Post correlati

Menu