La Regione Toscana si attiva per il turismo sportivo

Turismo

Con la speranza che si possa realizzare anche nel Lazio, e in tutte le regioni italiane, arriva dalla Toscana un esempio di come il turismo sportivo può diventare sistema.
La Regione Toscana firma un protocollo d’intesa con il CONI Toscana, Confcommercio Toscana e Confturismo Toscana.

Questo protocollo si muove da una semplice constatazione: la Toscana, come tante altre regioni, offre ambienti variegati e una gran quantità di sport da praticare, tante discipline che possono coniugare la vocazione turistica del territorio con la sostenibilità ambientale, la necessità della destagionalizzazione dei flussi con l’appetibilità per una fascia medio alta-alta di clientela, lo sviluppo economico con la rigenerazione di aree meno frequentate dal turismo di massa.

Contemporaneamente a questo protocollo d’intesa, il CONI Toscana ha firmato un accordo anche con l’Ente Bilaterale del Turismo Toscana, associazione che raccoglie le organizzazioni imprenditoriali di categoria del turismo del sistema Confcommercio(Federalberghi, Fipe, Faita, ResCasa, Fiavet) e i sindacati dei lavoratori a cui fanno riferimento oltre 15.000 aziende e circa 43.000 lavoratori del turismo.

I commenti

In fase di presentazione tutti gli attori hanno commentato positivamente l’iniziativa.

Salvatore Sanzo, Presidente del Coni Toscana commenta “Sport, turismo ed economia possono rappresentare tre vettori essenziali per la promozione del territorio. La sottoscrizione di protocolli come questi crea un sincronismo operativo che permetta di sviluppare, grazie allo sport, occasioni di formazione professionale, di impiego, di grandi eventi e di flussi turistici, con importanti ricadute per l’economia della nostra Regione”.

Paolo Corchia, Presidente regionale Confturismo, ricorda che “destagionalizzazione e delocalizzazione dei flussi, diversificazione dell’offerta, il turismo sportivo è una grossa opportunità per mettere alla prova la nostra capacità di riqualificazione delle destinazioni, anche per territori meno visitati ed il cui fascino si è mantenuto intatto”.

Anna Lapini, Presidente Confcommercio Toscana “i grandi eventi e le manifestazioni sportive che possono esercitare una grande forza d’attrazione sul territorio, ed offrire visibilità a località altrimenti periferiche. Il turismo sportivo ha ancora grandissime potenzialità inesplorate e l’impatto economico e occupazionale può e deve crescere”.

,
Articolo precedente
Sport e turismo finanziati dalla Comunità Europea
Articolo successivo
Il turismo sportivo sbarca alla BIT 2015

Post correlati

Menu