Le Dolomiti sono Patrimonio UNESCO

Turismo

Non potevamo aspettarci una notizia più bella, come italiani e come promotori del nostro grande patrimonio naturale e culturale: il 26 giugno il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, ha accolto le Dolomiti nell’elenco del Patrimonio Mondiale, conferendo il massimo riconoscimento mondiale per un sito naturale.

Diamo qualche informazione in più: nove gruppi montuosi delle Dolomiti sono stati inseriti nell’elenco  quali “Patrimonio Mondiale seriale”, poiché, anche se fisicamente separati, essi si configurano come un insieme unitario articolato e complesso sia dal punto di vista geografico-paesaggistico che da quello geologico-geomorfologico.

Del nuovo sito Unesco fanno parte zone già famosissime, come gruppo formato da Pelmo e Croda da Lago, il massiccio della Marmolada, la cima più alta delle Dolomiti con i suoi 3.343 metri, le Pale di San Martino, le Dolomiti di Brenta, le Dolomiti d’Ampezzo ed altre ancora.

Essere inseriti nell‘elenco del Patrimonio Mondiale dopo un così approfondito e lungo esame significa, infatti, essere riconosciuti come un bene unico al mondo e quindi di valore straordinario. La conservazione di questo insostituibile patrimonio è perciò un obiettivo e un dovere non solo per gli stati interessati, ma per l’intera comunità dei popoli.

Per chi ama il nostro Paese ed ancora di più per chi ama la montagna non serviva certo questo riconoscimento per apprezzare le nostre Dolomiti. Speriamo che questo ulteriore attestato diventi un ulteriore “strumento” di conoscenza per i potenziali turisti stranieri ma anche per i tanti italiani che non conoscono le potenzialità del nostro Paese.

,
Articolo precedente
Wimbledon, un esempio per tutti
Articolo successivo
Un tour per festeggiare le Dolomiti

Post correlati

Menu